ROTARY INTERNATIONAL distretti 2100 2120 - Italia, Malta, San Marino
PREMIO INTERNAZIONALE COLONIE MAGNA GRECIA
"ARIALDO TARSITANO"
 
NEWS
06 Ottobre 2019
20/21/22 SETTEMBRE 2019 – XXXIX EDIZIONE PREMIO COLONIE MAGNA GRECIA “ARIALDO TARSITANO

 

DISTRETTI 2100 e 2120

     

                     Vietri sul Mare – Lloyd’s Baia Hotel – 20, 21 e 22 settembre 2019

       XXXIX EDIZIONE PREMIO COLONIE MAGNA GRECIA “ARIALDO TARSITANO”       “A colloquio con l’antico”

 

 

 

Intense giornate di storia e cultura al Lloyd’s Baia Hotel di Vietri sul Mare nell’ambito della XXXIX edizione del  PREMIO INTERNAZIONALE COLONIE MAGNA GRECIA “ARIALDO TARSITANO“, con perfetta accoglienza da parte del Club organizzatore, il RC Nocera Inferiore Sarno.

Nei quarant’anni di vita, il Premio si è sempre caratterizzato non solo per manifestazioni di alto livello culturale, ma come aspirazione, anelito e fervida opportunità di impegno sociale, civile e morale per il riscatto e la rinascita dei nostri territori. La sua mission ha lo scopo di valorizzare, con la sollecitazione al recupero della identità storica, le risorse umane, culturali ed ambientali nei territori di Basilicata, Calabria, Campania e Puglia che furono interessati e influenzati da insediamenti di colonie greche, per concorrere alla promozione, in dette Regioni, di un autonomo processo evolutivo.

Nella giornata del 20 settembre si è tenuta l’Assemblea dei Delegati dei Rotary Club aderenti al Premio e, a seguire, la visita guidata alla fabbrica di ceramica artistica “Santoriello”.

Sabato 21 nella Sala Conferenze del Lloyd’s Baia Hotel, alla presenza di un folto pubblico, con al tavolo della Presidenza Adriano Vercellone, Presidente RC Nocera Inferiore Sarno, Gianfranco Camisa Presidente uscente del Premio, Franco Parisi, Presidente Onorario, Maria Rita Acciardi Presidente entrante, Mario Mello, Coordinatore Scientifico, i Governatori Pasquale Verre del Distretto 2100 e Sergio Sernia del Distretto 2120, Antonio Bello Presidente del Comitato organizzatore, si è dato inizio ai lavori con la cerimonia dell’onore alle bandiere, a seguire l’intervento di saluto di Adriano Vercellone, che ha dato il benvenuto ai Convegnisti e ha ricordato l’importanza della storia, linfa vitale per le donne e gli uomini del nostro tempo, proiettati sì nel futuro, ma con le radici ben salde nel passato, e la rilevanza delle tematiche connesse ai processi culturali e sociali dei nostri territori meridionali. L’apertura dei lavori è stata affidata a  Gianfranco Camisa che ha ripercorso la storia del Premio e l’evoluzione dello stesso nel corso degli anni, rimarcandone, in particolare, le forti connotazioni culturali, la missione istituzionale e la responsabilità dei Club nel processo di crescita culturale e sociale dei nostri territori. Si sono poi succeduti gli interventi di Pasquale Verre e di Sergio Sernia.

 

Nel suo indirizzo di saluto il Governatore Verre ha ringraziato il Presidente uscente per l’impegno profuso e ha fatto gli auguri alla PDG Maria Rita Acciardi, District Trainer del D.2100, per l’incarico di Presidente del Premio Magna Grecia, al quale sicuramente saprà dare un grande apporto, anche in considerazione del fatto che nacque proprio ad opera di un rotariano del suo Club, il RC Corigliano Rossano. Il Governatore Verre ha auspicato poi che il Premio possa includere nel suo territorio di competenza la Sicilia che fu parimenti terra di colonizzazione greca e, quindi, il Distretto 2110. Prosegue dichiarando che la valorizzazione dei Beni Culturali è di fatto il paradigma della governance di quest’anno, quindi auspica che i giovani siano coinvolti a pieno titolo nel Premio. Salutando poi l’amico Governatore Sergio Sernia, sottolinea come tra i governatori italiani dell’anno ci sia una grande condivisione che fa ben sperare, con riferimento alla realizzazione del Consiglio dei DG Italiani e al fatto che in un prossimo futuro possa essere proprio l’Italia ad ospitare la Convention del Rotary. Sergio Sernia, Governatore Distretto 2120, nell’indirizzo di saluto si dichiara d’accordo con il Governatore Verre sulla necessità di un ricambio generazionale nel Rotary e dunque anche nel Premio Magna Grecia. Prosegue sottolineando l’importanza del Premio non solo sul piano strettamente culturale, ma anche con riferimento alle vicende sociali e produttive delle nostre Regioni che hanno bisogno di ricostruire la loro identità e storia, ma soprattutto di avere visione per gli assetti futuri. Richiama la necessità di legami tra Magna Grecia e Grecia, anche attraverso le strutture rotariane, ed è sicuro che la storia unita all’entusiasmo giovanile ed all’internazionalità, darà al Premio, già giunto alla XXXIX edizione, una ulteriore rilevanza.

Ad arricchire l’incontro l’interessante e ben documentata relazione della Professoressa Anna Maria Ieraci Bio, rotariana sui “ I Papiri ercolanesi “, l’intervento puntuale del Coordinatore del Comitato Scientifico Prof. Mario Mello su il “Profilo dello studioso premiato”, e la lectio magistralis del premiato, Prof. Massimo Osanna, Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei, sulla governance del grande Progetto per Pompei, sullo stato dei lavori e sulle prospettive del Programma. E’ seguita, quindi, la cerimonia di consegna al premiato dell’altorilievo in argento, mirabile opera del Maestro Gerardo Sacco, ed al Presidente Camisa di uno spillino in oro con il logo del Premio .

 

Infine si è proceduto al passaggio della Presidenza da Gianfranco Camisa a Maria Rita Acciardi che nel suo intervento di saluto da Presidente del Premio dichiara come i nostri territori, con le risorse umane che vi sono insediate, non sono più uno spazio astratto, ma si costituiscono come identità, ovvero risorsa sociale, culturale e produttiva e, quindi, la principale risorsa per lo sviluppo, a partire dai giovani, che costituiscono il nostro maggior patrimonio ed il più significativo investimento per il presente e per il futuro.

 

In tal senso auspica che proprio i giovani divengano sempre più i veri protagonisti del Premio e che la cultura torni prepotentemente al centro dei programmi e progetti rotariani e non solo.

Né va sottaciuta, afferma, la straordinaria opportunità di vivere una manifestazione che riunisce i nostri Distretti, già 210, poi 2100 e ora 2100 e 2120, e domani chissà….e che ci consente di superare steccati ideologici, culturali, sociali, confini territoriali, divisioni geografiche ed appartenenze distrettuali, nella prospettiva del richiamo alle radici culturali comuni, come fertile humus da cui trarre consapevolezza, forza, determinazione, operatività e leadership per la costruzione di processi di sviluppo sociale, economico e culturale.

Si dichiara sicura che il Premio si arricchirà nel tempo di ulteriori adesioni e che saprà interpretare in maniera positiva, adeguandovisi, il mutamento dei tempi senza tradire lo spirito ed i principi fondanti che puntavano sulle due sezioni del Premio: gli studi storici ed archeologici per la conoscenza delle nostre radici e gli studi economici e sociologici per la costruzione del nostro futuro.

In chiusura la Presidente Acciardi ringrazia, per l’impegno profuso negli anni, Gianfranco Camisa, Mario Mello, Franco Parisi, Benedetto Giamporcaro, Mario Antonini, i Delegati, il Comitato Scientifico, il Comitato dei Garanti, tutti i Club aderenti, i Club che hanno consentito di organizzare le edizioni del Premio ed i Distretti 2100 e 2120 per la condivisione del progetto.

 

Formula, infine, auguri di buon lavoro al Segretario Antonio Gigante, al Tesoriere Luigi Brugnano, all’addetto stampa Gianni Policastri, al Responsabile Web Fabio Coppola, ai Delegati, ai Club ed a tutti quelli che credono nei valori e nella valenza del Premio Colonie Magna Grecia “Arialdo Tarsitano”.

 

Nel pomeriggio del 21 magnifica e partecipatissima visita guidata agli scavi di Pompei e nella mattinata del 22 altrettanto interessante e partecipata visita all’Abbazia della SS. Trinità di Cava de’ Tirreni.


 
pag: << | < |  [ 1 ]  |  2  |  > | >>